Porno
Hentai Orge Guardoni Gay Trans Lesbiche Mamme Mature Pompini Sadomaso Amatoriali  
Racconti porno
La signora Lucia
Insonnia
Sesso sul lago
Mia moglie
L'ultima volta
Notte di sesso
Il risveglio
Radura erotica
Della rosa il gambo
Nel pianerottolo
L'appuntamento
Il sussurro
Il tormento
La scelta di Anna
Il suonatore Jones
Allo specchio
I petali dell'orchidea
Seduzione erotica
Le reazioni di Anna
Voglia di porno
Sborrata dentro
Sesso in bicicletta
Le due amiche vogliose
Conosciuta in chat
Giulia
Desiderio di sesso
La padrona
La prostituta
Flax
Il pasto della fiera
La decisione di Isabella
Srrisi all'obiettivo
Strascico da un compleanno sexy
Il nodo
La segretaria
Dormi bene
Appuntamento in chat
L'orso
La mia prima volta
La pioggia
Follia erotica
Affare fatto
Rapporto sessuale multiplo
La porno pittrice
Per un'ora d'amore
Lunga è la notte
Ilaria la vogliosa
Marta e l'amore
Dai fallo
Sono uno schiavo
Storia gay
La riunione
Sverginata
L'accidia
Sesso tropicale
Perversa
Aspettativa sessuale
La migliore amica della mia ragazza
Chi non scopa a Capodanno...
Notte a sorpresa...
Scanner
Profumo di sesso
La rosa di Creta
Odori sessuali
Sesso in Hotel
Il muro
Fellatio
Inno al pompino
Porno cena
La collezione
Erotica
Sesso al mare
Il supplente di matematica
Porno inquilini
Storia porno
Sesso incestuoso
Sesso e amore
Il clistere
Giancarlo
Doppio ruolo
Porno erotismo
Desiderio sessuale
L'amico di papà
Il piacere orgiastico
Emulazione sessuale
Vacanze e sesso
Deflorazione
Racconto sadomaso
La rivista porno
Poesia erotica
Una serata di sesso hard
Piccola follia

Mia moglie

Cazzo, anche la domenica ora deve andare in Ufficio.
Va bene che i bambini sono dai nonni e che io ho una bella mattinata libera tutta per me. Però si poteva portare lo stesso i bambini dalla nonna e dedicarci a qualcosa di piccante. Mi torna in mente quella volta sotto la doccia. Che meraviglia vedere Valentina con il viso pieno di gocce d'acqua e di sperma. E' stata forse l'unica volta che che si è fatta schizzare in bocca. Oppure quando si è fatta fotografare, a modo mio ovviamente: Reggiseno, Perizoma e quel body di nylon trasparente. Poi ho mandato le foto si Internet in un sito amatoriale ed mi sono arrapato come un matto a leggere i commenti dei visitatori: tua moglie è una gran figa, scrivimi per incontro a tre, le farei ciucciare il cazzo a quella troiona di tua moglie, ecc....
Ovviamente anche oggi è uscita vestita da gran figona. Un tempo andava in ufficio in tuta ed ora gonna corta e perizoma.
Non è che mi dispiaccia ma a volte vorrei che si facesse bella solo per me, per farmi arrapare e prima di andare a letto insieme. Non solo quando va in ufficio.
Se penso al completo che le ho regalato a natale. Guepiere nera con reggicalze. Una favola. L'ha indossato una volta sola. Grande scopata e poi non si è più visto. Ma dove cacchio l'avrà messo? Il pensiero va a quel completino intimo, alla cassettiera in camera ed alla voglia di frugare dentro le sue cose. So che non si fa, però...
Comincio ad aprire cassetti, le mie mani scorrono mutande, reggiseni, perizoma,...questo non l'ho mai visto..., quanta roba intima, che porcella, frugare nella sua roba mi da un senso di proibito che mi fa indurire la cappella, ecco una scatola, apro, calze nere, di quelle con la riga dietro, e con uno strass alla caviglia, che puttana, ancora calze e poi eccolo, giù in fondo, è più bello ed eccitante di come lo ricordassi. Era così in fondo che sembrava nascosto. E se lo avesse indossato senza di me? Ci sarebbe qualcosa di male? NO, ma mi farebbe incazzare lo stesso. Lo annuso, cerco di capire se il suo odore è lì, che cosa squallida sto facendo, non sento niente e quasi sono deluso.
Che pensavo di trovare? Il profumo di una figa arrapata che ha bagnato le mutandine e poi le ha rimesse a posto? Che idiota.
Eppure continuo a pensare, a dubitare. E' vero che la domenica gli straordinari sono buoni e che non è un obbligo andarci, ma perché in perizoma? Che stupido esemplare di maschio sono. Piccolo e gretto.
Un guizzo nella mia testa va a Valentina, ad un'immagine di Valentina. La vedo mentre appoggiata alla scrivania dell'ufficio si fa sbattere da due colleghi, magari non tanto belli o aitanti e neppure tanto giovani. Questo particolare mi eccita perché farebbe di lei una donna ancora più troia. Poi la immagino che scende sul pavimento, si mette a carponi e ne prende uno in bocca e uno a pecora. In questo turbine di pensieri, senza motivo mi viene in mente Gianni.
Gianni era un mio caro amico, compagno di liceo e fidanzato per molto tempo con mia sorella. Dico era un mio amico, perché non si è comportato proprio come tale.
Mi ricordo la mattina in cui Valentina (non era ancora mia moglie) mi raccontò quanto successo la sera prima.
Gianni era tornato dalle vacanze lasciando le chiavi di casa presso l'albergo dove alloggiava. I genitori sarebbero tornati solo il giorno dopo e Valentina (anzi, la madre) offrì un posto a Gianni per la notte.
Cenammo tutti a casa di Valentina e la salutai verso mezzanotte per rientrare a casa.
Ovviamente qualche battuta la feci, le dissi di non dare confidenza a Gianni, di non toccargli il pisello e stupidaggini varie. Gianni era già lì dal pomeriggio e mi disse di non preoccuparmi che tanto se l'era già ripassata dopo pranzo. E giù con stupide risate.
Valentina la mattina dopo era scossa, agitata. Non ci misi molto a capire che qualcosa non andava.
Parlava male di Gianni, disse che di lui non ci si poteva fidare, che si sarebbe scopato anche la ragazza del fratello. Mi incazzai! Cosa era successo? Che voleve dirmi Valentina? Insistetti per sapere e lei mi disse che lui le aveva fatto strani discorsi.... Poi un lungo silenzio... non aveva solo parlato, ma l'aveva baciata. Ma non solo l'aveva solo baciata...
l'aveva anche toccata. Cominciai ad urlare, incazzato come una bestia, dissi che volevo andare a cercarlo subito ma Valentina mi frenò chiedendomi di non far nulla. In fondo lui mi voleva bene ed era stato solo un momento.
Mi fece poi giurare di non parlarne mai più.
Non era facile e dopo pochi giorni lo chiamai. "So che sai già tutto" mi disse, "Si... se mi sei veramente amico ora voglio sentire la tua versione", risposi buttandola su un sentimento di amicizia del quale non me ne fregava più un cazzo. "Non so che mi è preso", disse "i genitori dormivano, mi sono alzato dal divano del salotto e sono andato da lei, mi sono avvicinato e ci siamo baciati, poi l'abbiamo fatto, scusami". Che pugnalata! Gli dissi che non volevo più rivederlo e così fu. Poi pensai a Valentina. Mi aveva mentito, avevano scopato e lei si era limitata a dirmi di un po' di petting. Come suona diverso "mi ha baciata" con "ci siamo baciati". Corsi da lei e la trovai in lacrime. Mi disse che quello che aveva fatto era stato qualcosa di meccanico, fisico, non voluto ed aiutato dal dormiveglia. Mi chiese di perdonare e dimenticare. Lo feci. In fondo eravamo insieme da pochi mesi.
Da lì dopo 4 anni di felice fidanzamento, senza dubbi e gelosie, ci sposammo. Il sogno di una vita! Oggi quella ferita non brucia più.
No...non quella.

 

Accesso download